Tecniche miste

Un concetto molto semplice, ma con infinite possibilità: realizzare opere con diversi materiali.

Dalla semplice pittura a tecnica mista su tela a creazioni come i mosaici fino ad arrivare ad opere complesse che paiono quasi installazioni: pensiamo alle michette della serie "Achrome" di Piero Manzoni, o alla sua “uovo scultura” con impronta digitale.

 

CRITICA: interesse critico settoriale
MERCATO: estensione internazionale, fascia economica (formato di riferimento: 50x70 cm; indicativamente inferiore ai 2.600€), frequenza media

Con un’arte allo stesso tempo innocua ed esplosiva, superficiale, e profonda, fredda e chiassosa, spiazzante e “incredibile”  Koons invade gli spazi di Palazzo Strozzi a Firenze per una retrospettiva che — sta andando proprio bene.

CRITICA: segnalazione critica del Comitato

MERCATO: estensione nazionale, frequenza limitata

CRITICA: segnalazione critica del Comitato
MERCATO: estensione internazionale, fascia economica (formato di riferimento: 50x70 cm; indicativamente inferiore ai 2.600€), frequenza limitata

CRITICA: Grande Maestro
MERCATO: estensione internazionale, fascia media (formato di riferimento: 50x70 cm; tra i 5.200 e i 10.500€), frequenza media

Per la prima Biennale Arte di Venezia del post pandemia i padiglioni nazionali propongono un palinsesto complesso di mostre, in particolare personali, che hanno soprattutto l’obiettivo di spingere il nostro sguardo su questioni sociali, po

MERCATO: estensione nazionale, fascia economica (non superiore ai 2.600€), frequenza media

ABITAZIONE E STUDIO: via Giustino Fortunato 42, tel. 06/3297615 - 335/6496909, 00191 Roma

Desidero sottolineare quanto sia importante e delicato affrontare l'esame di una analisi relativa a un’opera d’arte, attività questa in cui è facile cimentarsi, ma che pochi riescono a svolgere con seria capacità professionale. 

Giunge alla 59a edizione il Catalogo dell’Arte Moderna, Editoriale Giorgio Mondadori di Cairo Editore, il più longevo e ricercato annuario dell’arte italiana, edito per la prima volta nel 1962 e divenuto da allora un rife

Con Cecilia Alemani abbiamo fatto il punto sul gender gap e su come sta cambiando l’altra metà dell’arte. Un processo accelerato dalla coraggiosa mostra da lei curata alla Biennale di Venezia.