Anna Maria Calamandrei Santi

Pergola (PU), 25 luglio 1936

CRITICA: interesse critico settoriale

MERCATO: estensione internazionale, fascia economica (non superiore ai 2.600€), frequenza media. 

ABITAZIONE E STUDIO: via Masaccio 208, tel. 055/5000952, 50132 Firenze.

REFERENZE: Firenze, Florence Art Gallery; Firenze, Accademia Internazionale Medicea; Firenze, Società Belle Arti, Casa di Dante.

PARTECIPAZIONI: Spoleto, Terrazza Frau, ott. 2020; Firenze, Spazio Espositivo San Marco, feb. 2021.

PREZZI: 30 x 50 cm, da € 400 a € 800; 50 x 70 cm, € 2.000/A.

E-MAIL: annamaria@calamandrei.it

 

Formazione: laureata in Pedagogia Comparata e insignita delle Palmes Académiques per meriti culturali, conclusa l’attività lavorativa nel campo istruzione e cultura, Anna Maria Calamandrei Santi frequenta la Scuola internazionale di grafica d’arte Il Bisonte a Firenze. Inizia a esporre in anni recenti con Toscana Cultura e Simultanea Spazi d’Arte, che le permettono di partecipare a mostre inserite in ambienti di rilevanza storica.

 

Ha esposto in Italia (Volterra, Firenze, Prato, Ferrara, Roma, Padova, Palermo, Monreale, Forte dei Marmi, Marina di Pietrasanta, Spoleto, Siena, Genova, Pordenone) e all’estero (Parigi, New York, Amburgo, Oxford), presentazione di sue opere raggiunge poi il Carrousel du Louvre a Parigi, l’Istituto italiano di cultura a Vienna, Palazzo Brancaccio e le Sale del Bramante a Roma, il Museo Levi Fiera del Mediterraneo a Palermo, Palazzo Ximenes, la Galleria Iclab, la Società delle Belle Arti “Casa di Dante” a Firenze, la galleria Wikiarte a Bologna, Rosso Veneziano a Jesolo.

 

Tra i premi ricevuti si ricordano: il XXXII Premio Firenze-Sezione Arti Grafiche, il Premio Le Marais (Galleria Thuillier, Parigi), il Premio Michelangelo (Gadarte, Firenze), il Premio Guglielmo II a Monreale, il Premio Toscana Cultura Donna (Associazione Toscana Cultura, Firenze). Nel 2016 è stata insignita del Collare Laurenziano a Palazzo Vecchio a Firenze, dall’Accademia Internazionale Medicea, nell’ambito del XXXI Premio Lorenzo il Magnifico. È presente in collezioni private tra cui “La raccolta delle stampe e dei disegni” della Collezione Sgarbi e la prestigiosa raccolta della Fondazione Il Bisonte, Scuola Internazionale di Grafica d’Arte.

 

È pubblicata in Donne nell’Arte in Toscana a cura di Toscana Cultura, nell’Annuario d’Arte Contemporanea “Artisti” a cura di Vittorio Sgarbi, in Effetto Arte, diretto da Paolo Levi, in Overart. Le sue opere sono in più di sessanta cataloghi editi in occasione degli eventi espositivi cui ha partecipato. È socia del Gruppo Donatello, della Società delle Belle Arti Casa di Dante, di Simultanea Spazi d’Arte, di Toscana Cultura. Hanno scritto di lei i maggiori critici e storici dell’arte italiana.

 

Periodi: la sua attività riflette il susseguirsi della sperimentazione di tecniche diverse e l’evoluzione che ne deriva. Dopo aver appreso le modalità più varie dell’incisione, realizza che il segno minuto, calligrafico, non è per lei gratificante come il segno pittorico che le consente immediatezza e forte impatto sulla lastra e inizia, con questa tecnica, il periodo delle mostre.

 

Soggetti: sono dati da ciò che la coinvolge emotivamente per singolarità e bellezza: natura fatta di mare, terra, cielo, paesaggi esotici, oggetti, costruzioni dell’uomo.

 

Tecniche: incide su lastre di zinco e di rame, con tutte le tecniche calcografiche che possono ben esprimere il suo obiettivo artistico.